La Presentosa

La presentosa d'abruzzo

fedi nuziali E’ il gioiello tipico dell'arte orafa d'Abruzzo dalle origini difficilmente databili. Si pensa che il 700 sia il secolo che abbia dato i natali al gioiello abruzzese più noto a tutti. E come la parola stessa dice è un dono da sfoggiare con presunzione.

È Gabriele d' Annunzio a dargli maggiore notorietà descrivendolo nel Trionfo della Morte: "una grande stella di filigrana con in mezzo due cuori…"
La sua diffusione avviene in tutta l'area centro-meridionale favorita soprattutto dal fenomeno della transumanza. Grazie alla sua notorietà ben presto diviene parte integrante del costume abruzzese-molisano ovvero un simbolo di fedeltà ed eterno amore, una preziosa testimonianza di colei che lo sfoggia.
Le giovani donne sono le belle destinatarie delle promesse d'amore che i giovani le indirizzano accompagnandole col caratteristico gioiello che acquista, così, un particolare valore come mezzo di comunicazione visiva. Infatti, plurimi significati si celano dietro alla simbologia rappresentata nel prezioso monile: un solo cuore al centro significa che l’indossatrice è nubile e viene donato dalla madre o da entrambi i genitori, alla giovane in età maritale; due cuori legati da una chiave o da un nastro, significa che l’indossatrice è prossima al matrimonio ed è donato dai suoceri come "pegno d'amore" in occasione delle presentazioni dei rispettivi genitori; con al centro una nave è donato dal padre della sposa oppure dallo sposo il giorno del matrimonio, simboleggiando l’inizio di una navigazione in due verso una nuova vita alla scoperta di se stessi e del mondo.

Il gioiello abruzzese

La presentosa

La Presentosa viene ostentata dalle giovinette nelle grandi occasioni date dalle feste del paese, dalle cerimonie religiose e civili, e mettendole in mostra significa favorirne l’adocchiamento.
Oggi, spesso la vediamo adornare il petto delle bimbe e delle ragazze, in occasione delle feste caratteristiche, tipo "Le verginelle di Rapino" (Chieti), "Ju catenacce" a Scanno ovvero la rievocazione del matrimonio scannese, cortei storici, ecc.
L'area della sua lavorazione in principio è circoscritta nei paesi di Pescocostanzo, Guardiagrele, Scanno, Sulmona ma col tempo la diffusione della sua lavorazione avviene in tutta la regione variando anche il suo significato originario. A seconda dei gusti dell'orafo o della committenza e a seconda delle occasioni il gioiello diventa un pegno d'amore, un portafortuna, un viatico di fede e di affetto, uno scaccia malocchio e con l'aggiunta di pietre preziose al centro, il laccio di un amore indissolubile.

"Le nostre presentose sono subito disponibili per l'acquisto a partire da euro 20,00 per i modelli in argento, e da euro 135,00 per quelli in oro.


scopri chi sono VAI AL NEGOZIO